Mercedes Vega, Direttore generale per Spagna, Italia e Portogallo, Genesus Inc.

Quando ho scritto il mio ultimo rapporto, credevo sinceramente che l'industria suinicola europea stesse attraversando il peggior scenario possibile; ma evidentemente mi sbagliavo. Concludo il precedente rapporto affermando quanto sia difficile fare previsioni per quest'anno per diversi motivi: prezzo della Mercolleida, prezzo delle materie prime, PSA, pandemia, domanda/offerta ed esportazioni. Mai considerata una guerra che sta capovolgendo tutto. A parte la crisi morale di non capire/accettare che eventi come questo stanno ancora accadendo, questo conflitto ha e continuerà ad avere un impatto enorme per il settore agricolo.

Il prezzo di Mercolleida

Nelle ultime quattro settimane, abbiamo assistito a un aumento massimo consentito di 6 centesimi di euro a settimana. Dal 2002 (entrata in vigore dell'€) ciò è avvenuto solo nove volte di cui due a marzo 2021 e quattro ora a marzo 2022.

Il prezzo delle materie prime

Abbiamo assistito a continui aumenti dei prezzi delle materie prime dall'ultimo trimestre del 2021, ma da allora siamo saliti alle stelle mentre la guerra in Ucraina continua. Secondo la CESFAC (Confederazione spagnola dei produttori di alimenti composti), la Spagna importa in media 15 milioni di tonnellate di cereali con il 30% rappresentato da mais importato dall'Ucraina, principalmente nella prima metà dell'anno.

Il grafico seguente mostra l'evoluzione dei prezzi settimana per settimana.

In un mercato così complicato, è letteralmente impossibile sapere cosa accadrà con i prezzi nel breve/medio termine.

Il grafico seguente mostra l'evoluzione effettiva del mercato negli ultimi 6 mesi rispetto alle previsioni sugli stessi parametri per questa settimana.

Prezzo del maiale

La Germania, dopo aver avuto il prezzo più basso nell'UE 1.20 €/kg di carcassa (0.94 €/kg vivi) 6 settimane fa, ora vede il prezzo più alto in tutta l'UE, 1.92 €/kg di carcassa (1.50 €/vivo).

In Spagna, il prezzo di mercato del maiale è passato da 1.13 €/kg vivo a 1.412 €/kg vivo nelle stesse 6 settimane e ora ha un vantaggio competitivo nell'UE rispetto alla Germania.

Domanda/offerta – Carenza di maiali

Il numero di scrofe nel nord Europa è nettamente diminuito. In Spagna, per il momento, l'inventario delle scrofe non è diminuito, ma molti suinetti si sono accumulati e l'offerta sta diminuendo. Gli impianti stanno già pensando di lavorare solo 4 giorni a settimana per ridurre i costi.

Costi di produzione

  • Prezzi delle materie prime – non è ancora chiaro come si evolveranno; dipende dagli accordi che si possono raggiungere con le restrizioni dell'UE.
  • Energia: il suo valore continua a salire per il momento.

Quando e quanto di questo aumento sarà possibile passare agli scaffali dei supermercati? E dove va il mercato da qui? Nessuno può ancora saperlo.

Condividi questo...
Condividi su LinkedIn
Linkedin
Condividi su Facebook
Facebook
Tweet su questo su Twitter
Twitter

Categorizzato in: ,

Questo post è stato scritto da Genesus