di Simon Grey, Direttore Generale Europa, Genesus Inc.

Nei miei viaggi incontro molti contadini. Una cosa di cui tutti si stanno ammalando sempre più e sono sempre più stanchi sono i maiali morti e il cannibalismo, più che mai a causa della carenza di personale quasi ovunque.

La stragrande maggioranza delle persone che lavorano negli allevamenti di suini si preoccupa dei maiali di cui si prendono cura (la maggior parte delle persone non va a lavorare per fare un cattivo lavoro). Queste persone considerano un fallimento personale quando i maiali muoiono o si mangiano a vicenda.

Oggi il 14-15% delle scrofe che muoiono (o vengono distrutte in azienda) sta diventando la norma. Anche dal 15% al ​​20% dei suinetti che muoiono è molto comune, così come un altro 5%-15% dei suini che muore dallo svezzamento alla macellazione.

Non solo questo è demoralizzante per il personale in un momento in cui stiamo lottando per reclutare, ma è anche molto costoso per l'azienda con una scrofa morta che costa in media $ 1,000 e un maiale da finitrice che costa ben oltre $ 100.

Dov'è il problema?

Siamo nel 2022. La nostra conoscenza del microclima, dell'alimentazione, della salute è significativamente migliore rispetto a 20 anni fa, quando i livelli di mortalità in tutte le fasi della produzione erano molto più bassi di oggi. Sì, ci sono nuove sfide per le malattie, ci sono sempre state e sempre ci saranno. Questa, tuttavia, non credo sia la causa del percorso. Nella mia esperienza, un'eccellente biosicurezza è la migliore mitigazione per le malattie.

Inseguendo il costo più basso

Credo che il problema più grande sia sempre perseguire il costo di produzione più basso, principalmente sulla scorta delle pressioni dei principali rivenditori. Non ci preoccupiamo più della qualità del prodotto o della mortalità, purché abbiamo il costo di produzione più basso.


Una parentesi qui, sulla scia del Covid e dei recenti eventi globali è molto, molto chiaro che l'autosufficienza alimentare ed energetica è molto importante per tutti noi. Come allevatori di suini, dobbiamo evitare le critiche che hanno imposto sempre più leggi che rendono la produzione più difficile e costosa (ed è anche una delle ragioni della maggiore mortalità e dei livelli di cannibalismo). Quello che non possiamo fare come industria è dire che abbiamo standard di cura e benessere molto elevati quando il 15% delle scrofe muore nei nostri allevamenti e 1/3 dei suini nati vivi muore prima della macellazione. Non possiamo difenderci da coloro che dicono che le nostre fattorie sono luoghi crudeli. Su questo, è al 100% colpa nostra!


Genetica

Come parte della costante spinta verso costi sempre più bassi, le aziende genetiche si sono concentrate su FCR più bassi e suini sempre più magri. Ciò ha comportato una minore assunzione di mangime e una qualità del consumo di carne sempre più scarsa (non ci interessa finché abbiamo il costo più basso).

La natura è una cosa incredibile. Gli animali si sono evoluti nel corso di 1,000 anni per depositare riserve corporee (grasso) per affrontare periodi di avversità. La logica afferma che la rimozione di questa capacità mediante l'allevamento selettivo di animali ultra-magri con un'assunzione di mangime inferiore creerebbe animali che non sono in grado di affrontare bene le avversità, siano esse una malattia o una sfida ambientale. Il risultato logico sono livelli più elevati di mortalità e cannibalismo.

Concentrati sul profitto, non sul costo

Il valore fondamentale di Genesus è massimizzare il profitto producendo carne di maiale gustosa che le persone vogliono comprare e mangiare. Vendere più prodotti e vendere una qualità migliore con un valore più elevato è ciò che guida il profitto.

Il sapore del maiale deriva dal grasso intramuscolare (marmorizzazione). La tenerezza deriva da questo così come la ritenzione idrica. Esiste una correlazione genetica positiva di circa il 50% tra grasso intramuscolare e grasso dorsale (più grasso intramuscolare significa più grasso dorsale). La selezione tradizionale significava che mantenere livelli più elevati di marmorizzazione significava più grasso dorsale. Oggi con la selezione genomica siamo in grado di mantenere la marmorizzazione e ridurre il grasso dorsale.

Esiste un altro legame genetico positivo tra suini più grassi e maggiore assunzione di mangime, quindi storicamente le aziende genetiche che selezionano per suini più magri e più magri significavano una riduzione dell'assunzione di mangime. Genesus ha una popolazione che ha un'elevata assunzione di mangime, che manterremo. Oggi questo è almeno il 10% in più rispetto a qualsiasi altro grande concorrente. Quando questo viaggio iniziò ben oltre 20 anni fa, la mortalità e il cannibalismo non erano problemi seri. All'epoca non si pensava davvero che il risultato della selezione di carne di maiale saporita avrebbe portato a un maiale con una maggiore assunzione di mangime che oggi mostra livelli di mortalità significativamente più bassi, spesso inferiori del 50% rispetto ai principali concorrenti. Si traduce anche in un maiale che mostra livelli molto bassi di cannibalismo.

Selezione per profitto = basso costo di produzione

Per molto tempo si è ritenuto che produrre carne di maiale saporita fosse più costosa. In realtà ho partecipato a riunioni in cui ha detto un rappresentante di una grande azienda di allevamento “nessuno può permettersi di produrre carne di maiale saporita”. Riesci a immaginare la BMW che dice che nessuno può permettersi di produrre un'auto affidabile e confortevole!

Il motivo dell'assunzione di un costo più elevato è che il grasso richiede più energia rispetto al magro, quindi l'FCR è peggiore (più alto) per i maiali più grassi. Ho lavorato con e per aziende che considerano FCR solo come l'unico numero relativo al costo di produzione!

Vediamo che a causa della maggiore assunzione di mangime di Genesus, i maiali mangiano effettivamente più mangime dei nostri concorrenti. Quello che abbiamo anche visto è che a causa della maggiore assunzione di mangime possiamo alimentare diete con livelli più bassi di lisina (verificati indipendentemente dalla Kansas State University) che hanno un costo per tonnellata inferiore. Questo mangime a basso costo compensa il costo di una maggiore assunzione di mangime.

Aggiungete a questo il costo ridotto a causa della minore mortalità e cannibalismo e vi ritroverete con un costo di produzione molto competitivo che alcuni clienti ci dicono essere addirittura inferiore ai nostri concorrenti.

Infine, ma non meno importante, ridurre il livello di suini morti e cannibalizzati può aiutarci a ottenere e trattenere il personale.

Qualche anno fa direi sempre di gestire gli allevamenti di maiali”i maiali sono facili da gestire, il problema è gestire le persone” oggi sarebbe una frase più corretta "i maiali ora sono molto difficili da gestire e di conseguenza non ci sono persone"

Condividi questo...
Condividi su LinkedIn
Linkedin
Condividi su Facebook
Facebook
Tweet su questo su Twitter
Twitter

Categorizzato in: ,

Questo post è stato scritto da Genesus